Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Arezzo, Ghinelli su Medioetruria: "Lega per Rigutino? Sono felice. E Camera di commercio?"

Ghinelli e Baroncini Ghinelli e Baroncini

Stazione Medioetruria, giornata densa di prese di posizione ad Arezzo, quella di mercoledì 6 dicembre, con la Lega che si espone ufficialmente per Rigutino. E il sindaco di Arezzo, Alessandro Ghinelli, che si dichiara soddisfatto e sollecita a prendere posizione ufficialmente le associazioni e Camera di commercio in tema di alta velocità. Questo il testo della nota di Ghinelli.
"Leggiamo con soddisfazione il comunicato a firma del segretario regionale della Lega circa la localizzazione della stazione Medioetruria nella nostra Valdichiana. Il comunicato afferma infatti che la scelta della Lega Toscana è per Rigutino. Non possiamo che esserne felici. Se questa presa di posizione fosse emersa qualche mese, o anche solo qualche settimana fa, sarebbe stato meglio, ma io guardo sempre al bicchiere mezzo pieno: va bene così. Da oggi in poi sappiamo che la Lega Toscana, tutta, è per Rigutino.
Questo significa che una volta accertato che l'indicazione emersa dal tavolo tecnico è evidentemente errata, e questo potrà avvenire una volta che saranno rese note le valutazioni operate dai tecnici, l'indicazione potrà e dovrà essere recuperata a livello politico. In questo percorso, finalmente, avremo unità di intenti e di obiettivi: tutta la Toscana, inclusa la Lega, è per Rigutino. Ovvio che le realtà locali che hanno poco o nullo interesse circa questa scelta poco o nulla avranno da dire, ma è così che maturano le decisioni importanti, con il contributo di chi ha interesse. E la Lega ha fatto un passo in più, il segretario regionale in persona si è speso per Rigutino, dopo che il silenzio del suo partito, in Toscana, aveva messo in imbarazzo un po' tutti. Meglio così. Ora però sta a tutti gli altri prendere ufficialmente posizione.
Mi riferisco all'associazione industriali, alle associazioni del commercio, dell'artigianato e dell'agricoltura, e per tutti loro la Camera di Commercio. Se la Toscana tutta si esprime per Rigutino non c'è storia: le associazioni devono fare altrettanto. Così come hanno fatto i loro colleghi umbri. Non farlo significherebbe non sapere, non volere o non potere esercitare il compito che tutti noi abbiamo messo nelle loro mani. E questo sarebbe gravissimo".
In precedenza, appunto, si era espresso Luca Baroncini, segretario regionale della Lega, insieme al segretario provinciale, Gianfranco Vecchi:
""Sulla questione Media Etruria ho sentito le farneticazioni più assurde e ho assistito al più basso teatrino politico per scaricare il barile prendendo in giro i cittadini. Più di qualcuno dà la colpa all'onorevole della Lega Tiziana Nisini, che sarebbe rea di non aver difeso arezzo perché è nata a Pavia.
Poi si dà la colpa al ministro Salvini, asserendo che questi avvantaggerebbe l'Umbria perché la Toscana è di sinistra. Si è perfino letto che la Lega avrebbe spinto per Creti perché esprime il candidato Sindaco di Cortona. 3 tesi irrazionali a tal punto che perfino un bambino capisce che le cose non possono stare così e verrebbe da sorridere se non fossero presentate ai cittadini prendendoli in giro e nascondendo loro la verità. Su Nisini siamo ai limiti della discriminazione mista diffamazione.
Siccome sei nato a Pavia non puoi difendere Arezzo: uno ius sanguinis politico che farebbe ridere, se non fosse umiliante ed offensivo per una donna che al contrario sta sputando il sangue per il territorio e soprattutto per una parlamentare che si è battuta e si sta battendo per far realizzare la stazione dell'alta velocità a Rigutino e cioè l'opposto di ciò per cui viene accusata (forse da chi vorrebbe prendere il suo posto..), solo che lei lo fa senza clamori, senza selfie, ma dentro al ministero, e quindi forse non facendosi notare ma agendo nel concreto e con competenza. Qualità che le sono riconosciute da tutte le categorie economiche per le quali è uno dei massimi punti di riferimento della Lega a livello nazionale. Circostanza che ne sottolinea il merito e che rappresenta una potenzialità per la provincia di Arezzo che magari non tutti quelli nati in zona possono portare al territorio.
Per quanto concerne il Ministro Salvini, io sono di parte è vero, ma è noto che più volte il Governatore Giani ne ha sottolineato le capacità e lo ha ringraziato per la considerazione che ha per la nostra Regione.. beh potrei argomentare oltre, ad esempio facendo riferimento alle dichiarazioni che il vice premier ha sempre fatto sulla questione mediaetruria ("sarà una scelta tecnica e non della politica"), ma credo basti l'autorevole parere del Presidente della Regione Toscana.
Infine sul sindaco di Cortona. Attribuire a lui il peso di una scelta del genere, al cospetto di realtà come Arezzo, con tutto il rispetto per Cortona, è fantapolitica.
Piuttosto che raccontare bugie prive di alcuna credibilità per trovare improbabili colpevoli, diciamo le cose come stanno e facciamo chiarezza coi cittadini: la realizzazione di una stazione per l'alta velocità in provincia di Arezzo è molto difficile. Una speranza c'è ed è una voce unica pro Rigutino. Ad oggi siamo a niente. E non c'è alcuna decisione presa. Contano i dati tecnici più della politica. Ma la politica da oggi si coalizzi con Nisini anziché attaccarla, supportando la sua e nostra battaglia per Rigutino e per Arezzo!"
La stessa onorevole Tiziana Nisini, Lega, ha diffuso un suo comunicato:
"Ci voleva una "non aretina" per dare le case popolari agli aretini che attendevano un alloggio da 15 anni.
Ci voleva una "non aretina" per azzerare le occupazioni abusive nel Comune di Arezzo in quanto nessuno aveva mai fatto nulla e c'erano utenti che avevano creato una morosità altissima ai danni dell'ente.
Ci voleva una "non aretina" per risolvere il problema annoso dell'Amianto in Via Malpighi mettendo, finalmente, in sicurezza 100 famiglie. E potrei continuare.
Mi dispiace che questi attacchi arrivino dagli alleati, chissà per quale schema, lo stesso della provincia di Arezzo forse?
Negli anni ho dimostrato sempre amore per il territorio aretino, con una presenza costante e azioni positive. Tanto è vero che nel 2020, durante la formazione della nuova giunta, mi è stato chiesto di rimanere perché avevo fatto bene nei cinque anni precedenti, nonostante fossi già Senatore della Repubblica da tre. Ma oggi, inspiegabilmente, non sono più considerata aretina di nascita e non vado più bene.
Un esempio di attenzione per il territorio è la questione "Panno Casentino".
Ho lavorato costantemente con l'allora Presidente della Provincia Silvia Chiassai, gli imprenditori del panno e il Ministero per sbloccare la proposta d'acquisto del fabbricato e salvare la Manifattura. Questo impegno continua ancora oggi, ma purtroppo la Regione Toscana latita e non incontra gli imprenditori, rischiando di vanificare tutte le sfide vinte.
Rimanendo sempre su Arezzo, il Polifonico riceve ?152.000 dal Ministero grazie al lavoro sinergico mio col presidente della Fondazione Guido D'Arezzo Lorenzo Cinatti.
Un'ottima notizia per la città che trova il giusto riconoscimento per le attività culturali che organizza ed in particolare per il Polifonico.

Gli attacchi su Media Etruria probabilmente servono ai miei detrattori per nascondere il loro vero immobilismo.
Chi mi attacca oggi non l'ho mai sentito spendere una parola a favore di Rigutino?. mai!!!
Io sono sempre stata in contatto sia col Ministero che col Presidente Giani. E questo sempre prima di ogni convocazione del tavolo tecnico, perché di tavolo tecnico si tratta.
La battaglia per Rigutino non si vince con una giornalata o con un'intervista e l'ho detto più di una volta e ad oggi la partita non è chiusa. Le battaglie politiche di giocano lavorando sul serio non facendo sparate ai congressi.
Anche a Cortona mi sono impegnata per trovare una sintesi con gli alleati e con il sindaco uscente così come ho fatto ad Arezzo nel 2020. Non deve essere solo un gioco di poltrone, ma è indispensabile lavorare tutti insieme per trovare la soluzione migliore per i cittadini e non per i politici di turno.
Ora basta con gli attacchi inutili che tanto male fanno ai cittadini e continuiamo a lavorare seriamente nel loro interesse."