Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Arezzo, uccise compagna e suocera: Jawad in Assise, rischia l'ergastolo

Jawad e la compagna uccisa Jawad e la compagna uccisa

Entra in aula sabato 14 ottobre per essere processato dalla Corte d'Assise di Arezzo l'uomo che ad aprile 2023 ha ucciso a coltellate la compagna Sara Raschi e la suocera Brunetta Ridolfi. Un duplice femminicidio aggravato dal fatto che con Sara c'era un rapporto come tra marito e moglie, una relazione stabile e di convivenza dalla quale erano nati due figli. Presenti in casa nella notte del massacro.
Il magrebino Jawad Hichman ebbe una lite feroce con le donne e le uccise con la lama poi si fece arrestare. Se non gli saranno concesse le attenuanti generiche potrebbe essere condannato al massimo della pena. Sabato viene incardinato il processo. Tra le parti civili chiede di essere inserita una associazione che si batte a favore delle donne contro ogni violenza e si adopera aiutare le vittime, Senza veli sulla lingua.
L'imputato potrebbe chiedere una perizia psichiatrica per valutare la piena capacità di intendere e di volere al momento del fatto. In caso di vizio anche parziale di mente la sua posizione potrebbe alleggerirsi.

Luca Serafini è nato nel 1965 ed è redattore del Gruppo Corriere. Dopo le prime esperienze in radio, ha iniziato negli anni Ottanta come corrispondente del Corriere Aretino da Castiglion Fiorentino,...