Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Arezzo, omicidio Guerrina: va avanti anche la seconda causa contro la Chiesa per risarcimento

Alabi sconta 25 anni Alabi sconta 25 anni

Va avanti anche la seconda causa contro Diocesi di Arezzo Cortona Sansepolcro e frati Premostratensi sul caso di Guerrina Piscaglia, volta ad ottenere il risarcimento danni da un milione. Rigettate dal giudice Fabrizio Pieschi tutte le eccezioni dei legali della Chiesa e dell'Ordine religioso contro l'azione promossa dalla famiglia Alessandrini, il marito e il figlio della donna uccisa l'1 maggio 2014 (corpo mai ritrovato) da padre Gratien Alabi, all'epoca vice parroco di Cà Raffaello, che sconta 25 anni di reclusione a Rebibbia.
Secondo il giudice ci sono i presupposti per tenere viva la causa, che non ha precedenti al mondo. Prossima udienza il 9 gennaio 2024. Gli avvocati Nicola Detti e Francesca Faggiotto dovranno presentare le memorie istruttorie. Secondo i legali della famiglia, Diocesi e Ordine dei frati devono pagare in quanto responsabili civili per le condotte di padre Graziano, che era ministro della Chiesa quando uccise la parrocchiana invaghita di lui per evitare uno scandalo.
Analoga azione è in piedi sempre al tribunale di Arezzo, e sempre per un milione di euro, intentata dalla famiglia Piscaglia (sorelle e nipoti di Guerrina) con prossima udienza il 16 novembre quando la causa entrerà nel vivo con l'audizione, come testimoni, delle parenti della donna originaria di Novafeltria che sparì nel paese del comune di Badia Tedalda dopo essersi recata alla canonica ad un incontro col prete. Omicidio e distruzione di cadavere, secondo la sentenza definitiva.



Luca Serafini è nato nel 1965 ed è redattore del Gruppo Corriere. Dopo le prime esperienze in radio, ha iniziato negli anni Ottanta come corrispondente del Corriere Aretino da Castiglion Fiorentino,...