Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Arezzo, Porsche a grande velocità: 2 morti nello scontro. Processo, falsa partenza

Lo scontro sulla Sp21 Lo scontro sulla Sp21

Falsa partenza per il processo al conducente della Porsche che il 9 maggio 2023 a Indicatore a forte velocità finì contro un'altra auto, una Skoda Fabia, sulla quale viaggiava una famiglia: morirono i coniugi, cinquantenni, sopravvissuto il figlio 25enne. Incompleto il fascicolo della procura e tutto da rifare. Il giudice dell'udienza preliminare di Arezzo, Claudio Lara, ha preso atto del rilievo mosso dall'avvocato Luca Fanfani, difensore dell'imputato, un aretino classe 1979, S.M.. La tragedia si consumò sulla Sp21 e secondo la consulenza tecnica l'andatura della Porsche superava il doppio del limite di velocità che nel tratto è 50 kmh. Il processo per omicidio stradale plurimo e lesioni si giocherà proprio su questo aspetto. La Carrera perse aderenza e finì contro la macchina che veniva in senso opposto, diretta in Valdarno, dove la famiglia abitava a Le Ville di Terranuova Bracciolini. A perdere la vita furono Giovanna Mori e Francesco Diana di 50 e 56 anni.
Servizio completo sul Corriere di Arezzo di mercoledì 29 novembre