Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Arezzo, ragazza 14enne adescata in chat, giovane sotto accusa: si faceva inviare foto osé

Adescata sul web Adescata sul web

Ragazza di 14 anni di Arezzo agganciata in chat sulla Rete, coinvolta in una relazione sentimentale e sessuale virtuale: a processo un giovane della Puglia accusato di adescamento di minore. Si faceva inviare anche foto di lei spogliata. Rischia una pesante condanna. La vicenda ambientata ad Arezzo, dove vive la giovanissima. Sono stati i genitori di lei a denunciare il fatto dopo aver notato che la figlia stava attraversando un brutto periodo. Chiusa in se stessa, rapporto conflittuale in famiglia, umore pessimo, dimagrimento. Dal controllo del cellulare è emerso il perché. Tanti messaggi social e scambio di immagini audaci. Nel processo, che riprende ad aprile, l'imputazione per il 26enne pugliese, difeso dall'avvocato Giacomo Chiuchini, è stata appesantita: recidiva e aggravante dell'aver provocato danni psicofisici alla vittima. Tra i due non c'è mai stato un incontro fisico.