Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Sgominata gang albanese, un arresto ad Arezzo: droga e rapine. Indagine partita dai rifiuti

Armi sequestrate Armi sequestrate

Sgominato traffico di droga su scala europea: 17 persone, ritenute una vera gang, arrestate in vari Paesi, coinvolto anche il territorio aretino con un 33enne dell'Albania catturato dai carabinieri del comando provinciale. La complessa indagine che riguarda cocaina, eroina, rapine e armi è partita dai controlli in uno scarico di spazzatura ad Anversa in Belgio.
Contenitori usati per la droga, vuoti, e altro materiale per produzione e confezionamento, erano stati gettati in discariche, ed hanno indirizzato gli inquirenti verso approfondimenti investigativi: così si è arrivati il 4 giugno agli arresti operati in Belgio, Italia, Paesi Bassi, Austria, Germania e Svizzera. Due altri membri della banda erano stati già arrestati in Olanda e Svizzera durante le fasi delle indagini.
L'indagine è stata condotta dalla polizia locale belga di Anversa in collaborazione con la polizia federale belga e le Forze di Polizia di Francia, Germania, Paesi Bassi, Svizzera e per l'Italia con i Comandi Provinciali dei Carabinieri di Arezzo e Ravenna. Europol ha coordinato le attività internazionali.

Sequestrati 100 chi di cocaina, 6 armi da fuoco (pistole automatiche, mitragliette e silenziatori), ingenti somme di denaro contante (265.000 euro circa) rinvenute anche in intercapedini e mobili muniti di doppi fondi, sostanze chimiche per il taglio della droga, uniformi della polizia e giubbotti antiproiettile, immobili e veicoli con doppi fondi, 2 laboratori per la raffinazione/lavorazione/estrazione di cocaina, 20 criptotelefoni.
Ad Arezzo, i Carabinieri del Comando Provinciale, coadiuvati dal personale dei Nuclei Cinofili CC di Firenze e Pesaro, hanno rintracciato e arrestato un trentatreenne albanese, in quanto ritenuto responsabile dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti. Gli è stato notificato un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Arezzo, in quanto dovrà scontare una pena di 2 anni e 10 mesi e 6 giorni di reclusione, per reati in materia di stupefacenti commessi in Civitella Val di Chiana nel 2016.
L'arrestato, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Arezzo, a
disposizione della competente A.G.

Soldi sequestrati Soldi sequestrati
Indagine partita dai rifiuti Indagine partita dai rifiuti