Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Arezzo, caccia a pedofilo davanti a scuola. Audio virale: "Bambino rapito". Ma è un falso allarme

Indaga la polizia Indaga la polizia

Allarme pedofilia. Un uomo con attenzioni particolari verso un alunno della scuola elementare. E un audio virale contenente la falsa notizia del rapimento di un bambino. Ad Arezzo concitazione e indagini.
Il fatto vero è che nei giorni scorsi si è verificato un episodio sul quale la polizia svolge accertamenti e mantiene il massimo riserbo: un minore avvicinato e importunato da un adulto con inclinazioni da pedofilo. Fatto avvenuto nei pressi della scuola Sante Tani.
Gli inquirenti non si sbottonano per poter chiudere il cerchio. E nello stesso tempo smentiscono con decisione la voce di un sequestro di persona di un bambino di origini straniere di cui si parla in un messaggio vocale che rimbalza da un cellulare all'altro via social.
La narrazione di un'auto scura che si porta via il piccolo, con altri particolari, è destituita di fondamento, fanno sapere polizia e carabinieri.
Tuttavia preoccupa il ripetersi di fatti con minori coinvolti ad Arezzo. Nelle ultime settimane il caso del molestatore seriale che palpeggiava le ragazze sugli autobus provenienti in città dalla Setteponti e l'ottantenne che faceva esibizioni oscene davanti a un 12enne e lo pedinava. Ora le indagini per risalire al molestatore davanti alla scuola primaria.