Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Aretino dell'anno, premiata Beatrice Coradeschi. Corriere di Arezzo, festa verso il 40°

La premiazione di Beatrice Coradeschi La premiazione di Beatrice Coradeschi

Beatrice Coradeschi, atleta di taekwondo, ha ricevuto la targa di vincitrice dell'Aretino dell'anno 2023 XIII edizione, iniziativa del Corriere di Arezzo. Auditorium Aldo Ducci, ad Arezzo, gremito per la cerimonia. Il riconoscimento è stato consegnato alla giovane atleta dal direttore delle testate del Gruppo Corriere, Sergio Casagrande, e dall'amministratore unico, Marco Corridori.
Presenti in sala il sindaco Alessandro Ghinelli, il presidente del consiglio comunale, Luca Stella, che ha fatto gli onori di casa, l'assessore allo sport Federico Scapecchi; l'onorevole Tiziana Nisini; il presidente della Provincia, Alessandro Polcri; il consigliere regionale Gabriele Veneri; il sindaco di Civitella in Val di Chiana, comune dove vive Beatrice Coradeschi, Andrea Tavarnesi.
Presenti varie espressioni della vita associativa ed economica aretina a partire dal presidente della Camera di Commercio, Massimo Guasconi, con il segretario generale Marco Randellini. Il prefetto Maddalena De Luca, trattenuta da un impegno istituzionale, ha inviato un saluto.
Premiati il secondo e terzo classificati: Fabio Franci, istruttore Fmi di moto amato dai giovanissimi centauri; Alessandro Beatrice, figlio dell'indimenticato calciatore Bruno, che si batte per la verità sulle morti sospette nello sport e in vari fronti sociali. Premio speciale ad Alessandro Dioni, lo studente che con il defibrillatore ha salvato un uomo colpito da infarto.
Citazione e stretta di mano per gli altri della top ten: Marco Argenzio, giovanissimo asso del tiro a segno; Fausto Casi padre del Mumec (museo dei mezzi di comunicazione), Casa del Vento gruppo musicale folk rock, Silvia Ciarpaglini ideatrice e organizzatrice del Mercato delle pulci, Loretta Gianni del Pronto donna impegnata contro la violenza di genere, Gianluca Livi anima del progetto Calcio Champagne per coinvolgere persone fragili.
Il direttore del Gruppo Corriere, Sergio Casagrande, ha portato il saluto dell'editore Francesco Polidori, imprenditore che in controtendenza ha scelto di investire nella carta stampata, ed ha parlato del ruolo e del rinnovamento del quotidiano di Arezzo e della provincia, su carta e sul web, tra notizie, approfondimenti e dialogo con i cittadini. Il caporedattore centrale, Federico Sciurpa, ha annunciato che il prossimo anno sarà il 40° dalla nascita del Corriere di Arezzo (3 aprile 1985) e la ricorrenza sarà fulcro di una serie di iniziative.
La cerimonia si è conclusa con un buffet al secondo piano del Palazzo Comunale, in un clima gioioso e cordiale. Un momento molto partecipato. Tanti aretini stretti intorno ai protagonisti dell'Aretino dell'anno, eccellenze nei rispettivi settori, e stretti intorno al Corriere di Arezzo.

Aretino dell'anno, sala gremita La sala gremita
Aretino dell'anno, i relatori Il tavolo dei relatori
Federico Sciurpa premia Fabio Franci Federico Sciurpa premia Fabio Franci
La premiazione di Alessandro Beatrice La premiazione di Alessandro Beatrice