Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Arezzo, morta in ospedale per diagnosi sbagliata: Asl e 2 medici condannati a risarcire i familiar

Cinzia Patricolo aveva 47 anni Cinzia Patricolo aveva 47 anni

Paziente morta a 47 anni, sentenza del giudice civile di Arezzo condanna Asl e due medici a risarcire i familiari con una importante somma perché la diagnosi sarebbe stata sbagliata. Non era una pancreatite ma una occlusione intestinale che nel giro di 11 ore dall'accesso al pronto soccorso del San Donato - accusava dolori al ventre - portò all'arresto cardiaco e dopo altre 6 ore ci fu il decesso di Cinzia Patricolo. Era il 2017 e la tragedia suscitò grande commozione. L'avvocato Donata Pasquini per la famiglia presentò esposto alla procura: il procedimento penale si è concluso con un nulla di fatto mentre il processo civile adesso sfocia nella sentenza del giudice Carmela Labella che evidenzia imprudenze, omissioni e imperizie nell'accertamento e cura e impone il risarcimento ad azienda sanitaria e, in solido, ai medici che seguirono la donna, verso genitori, sorella e compagno di Cinzia. Per la paziente, bariatrica, in passato sottoposta ad intervento di riduzione, fu letale un volvolo intestinale che provocò lo shock settico e il decesso.