Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Arezzo, scoperti 139 lavoratori al nero in aziende orafe e dell'edilizia. Anche un minorenne

Guardia di finanza Guardia di Finanza

Scoperti dalla Guardia di Finanza di Arezzo 139 lavoratori al nero e irregolari. C'era anche un minorenne nelle aziende del settore oro e costruzioni visitate dalle fiamme gialle. Si tratta di più attività. In un caso i finanzieri hanno fatto un blitz in un laboratorio di Arezzo gestito da un bengalese con 39 lavoratori extracomunitari, dei quali 24 completamente al nero. Stavano saldando. Sospensione dell'attività e sanzioni al datore di lavoro. Al banco di lavoro c'era anche un minore. In un'altra ditta sempre del comparto dei preziosi gestita da un pakistano trovati 4 addetti al nero. Altri 85 lavoratori in nero sono emersi da controlli su sei imprese edili del Valdarno. Otto dei dipendenti percepivano anche l'indennità di disoccupazione mensile Naspi. Una delle imprese, per sfuggire al fisco italiano si era localizzata fittiziamente come sede all'estero. Contestata evasione per oltre 3 milioni, elevate sanzioni per 300 mila euro. Conseguenze anche penali.