Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Arezzo, sparì nel 1997: dichiarazione di morte presunta per l'eredità. Scompare pure il fratello

Il tribunale di Arezzo Il tribunale di Arezzo

Sparì dalla provincia di Arezzo nel 1997 e oggi la figlia, che all'epoca aveva 5 anni, chiede al tribunale la dichiarazione di morte presunta per l'eredità (una tenuta): l'iter è quasi definito ma spunta un altro ostacolo, sarebbe scomparso anche il fratello di Raphael Zucker, lo zio di Zefyr, entrambi proprietari del casolare.
Un nuovo mistero e una complicazione per definire la successione. La storia è complessa e drammatica. Nel novembre 1997 l'ultima attestazione in vita di Raphael Zucker, classe 1960, a Bucine in provincia di Arezzo. Poi il nulla. Col timore che possa essere finito nel mirino della malavita dell'Est. Nessuno ne ha più saputo nulla dopo una esistenza travagliata, tra alti e bassi, problemi di alcol e vissuta al limite tra lecito e illecito.
La figlia Zefyr e la madre, a distanza di tempo, nel 2011, si rivolsero all'avvocato Roberto Piccolo per definire la situazione. Incardinato l'iter per la dichiarazione di morte presunta, in questi giorni la domanda è stata pubblicata in Gazzetta ufficiale e sui quotidiani. Devono passare sei mesi per sancire il decesso, presunto, ma valido ai fini dell'eredità. Intanto però anche Philippe, fratello di Raphael, non si trova. Entrambi sono intestatari della proprietà immobiliare nel Grossetano.