Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Arezzo, raddoppia la tassa di soggiorno e scoppia la polemica

Turisti ad Arezzo Turisti ad Arezzo

"Raddoppiare la tassa di soggiorno a stagione turistica avviata, senza alcuna concertazione o avviso agli operatori del settore (se non 24 ore) è contro ogni regola di buon senso. Troviamo inopportuno l'aumento, il metodo e soprattutto la tempistica con cui il Comune di Arezzo ha preso una decisione simile". Le associazioni aretine di categoria Confcommercio e Confesercenti esprimono così il loro dissenso in una nota congiunta. "Il Comune di Arezzo ieri ? 12 marzo ? ci ha invitato ad una riunione che si è svolta stamattina ? 13 marzo ? per annunciare che dal 1° maggio la tassa di soggiorno subirà aumenti sostanziali", prosegue la nota. "A suscitare la nostra contrarietà c'è prima di tutto il metodo utilizzato dal Comune: nessun preavviso, nessuna concertazione, nessun rispetto della tempistica con cui il mercato turistico si muove a livello nazionale e internazionale. Gli operatori ci segnalano il rischio di un effetto boomerang che non farà bene all'immagine della città".