Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Pupo dalla Moldavia: "Ho cantato nel teatro della strage"

La serata del 2013 La serata del 2013

Sono le 23 di venerdì quando Pupo atterra in Moldavia. E' in aereo mentre le tv di tutto il mondo trasmettono le drammatiche immagini dell'attentato a Mosca. Pupo arriva in albergo, accende la televisione e guarda sconvolto quello che sta succedendo. Di nuovo. Nel mondo. E Pupo vede quel teatro, che può contenere oltre 6 mila persone, avvolto dalle fiamme con dentro ancora tanta gente. C'è chi scappa e chi, purtroppo, non può più farlo. Ci sono donne, uomini e soprattutto bambini accorsi numerosi al concerto dei Picnic. Enzo guarda la tv e i suoi primi pensieri vanno alle vittime e poi al ricordo di undici anni fa. Quando in quel teatro, era il 2013, si era esibito in una serata con tanti amici e artisti italiani. "Al Crocus City Hall - ci dice Pupo - io ho condotto il grande spettacolo della reunion tra Albano e Romina. In quella stessa sala, eravamo lì con Gianni Morandi, Umberto Tozzi, tra gli altri ed io ero il conduttore insieme ad una russa. Uno spettacolo incredibile che poi andò in onda anche su Rai Uno". "Voglio esprimere a tutte le genti di Russia - continua Pupo - e soprattutto alle famiglie coinvolte in questa tragedia, tutto il mio affetto e le mie più sincere e sentite condoglianze. Non posso rassegnarmi all'idea che siano morti tutti quei ragazzi innocenti e che quel teatro sia stato distrutto".